Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online

La morte dell'umanità: "Twilight" (Crepuscolo) di John W. Campbell

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Racconti


"Twilight" ("Crepuscolo" o "Sette milioni di anni") di John W. Campbell è un racconto di circa 18 pagine che io sono riuscito a leggere grazie alla sua presenza nella raccolta "The Science Fiction Hall of Fame - Volume One", un'antologia in inglese delle migliori storie di fantascienza secondo l'associazione americana degli scrittori di sci-fi.

La trama è molto semplice (così come dovrebbe essere quella di un racconto): un uomo racconta dell'incontro con uno strano uomo differente da quelli del tempo, il quale sostiene di essere venuto dal futuro, precisamente da sette milioni di anni dopo. Egli, però, non era un abitante di quel mondo futuro; proveniente da pochi secoli dopo, lo sconosciuto aveva viaggiato nel futuro, e durante il viaggio di ritorno aveva sbagliato qualche calcolo giungendo nell'epoca del personaggio iniziale.
Lo scritto di Campbell è, in pratica, il racconto di quest'uomo del futuro. Com'è cambiata l'umanità in sette milioni di anni? Penso sia necessario leggere il racconto per poter davvero apprezzare ciò che l'autore vuole mostrarci; chiunque voglia leggere il racconto indipendentemente dal mio commento, non vada oltre.